Le Autocertificazioni e le Dichiarazioni Sostitutive degli Atti di NotorietÓ sono utilizzabili solo nei rapporti con le Amministrazioni Pubbliche. Si intendono Amministrazioni Pubbliche tutte le Amministrazioni dello Stato, comprese le aziende e le amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le scuole di ogni ordine e grado, le Istituzioni Universitarie, Camere di Commercio e qualsiasi altro ente di diritto pubblico (compresi gli enti pubblici economici).
Sono inoltre utilizzabili nei rapporti con imprese esercenti servizi di pubblica necessitÓ e di pubblica utilitÓ (Aziende dell'Acqua, Gas, Metano, ElettricitÓ, Telecomunicazioni, ecc.).
L'autocertificazione e le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietÓ non possono essere utilizzate nei rapporti fra privati o con l'autoritÓ giudiziaria nello svolgimento di funzioni giurisdizionali.

Atti di NotorietÓ

Tutti gli stati, fatti e qualitÓ personali non autocertificabili
possono essere comprovati dall'interessato, a titolo definitivo, mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietÓ.


La dichiarazione che il dichiarante rende nel proprio interesse pu˛ riguardare anche stati, fatti e qualitÓ personali relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza.
La dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietÓ, non pu˛ contenere manifestazioni di volontÓ (impegni, rinunce, accettazioni, procure) e deleghe configuranti una procura.
Qualora risulti necessario controllare la veridicitÓ delle dichiarazioni nel caso in cui gli stati, i fatti e le qualitÓ personali dichiarati siano certificabili o accertabili da parte della pubblica amministrazione, l'amministrazione procedente entro quindici giorni richiede direttamente la documentazione all'amministrazione competente.
Le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietÓ non richiedono alcuna autenticazione da parte del pubblico ufficiale quando siano contestuali ad un'istanza.
Se invece la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietÓ Ŕ contestuale ad un'istanza l'interessato deve presentare la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietÓ:
a) unitamente alla copia non autenticata di un documento di riconoscimento (nel caso di invio per posta o per via telematica);
b) firmarla in presenza del dipendente addetto a riceverla (nel caso di presentazione diretta)