TargatoNA Home >> Notizie > Spettacolo > Articolo:
 
CONCERTO DI DAVID CROSS E OSANNA
COMUNICATO STAMPA
Concerto di Rock Progressivo con

David Cross Band e Osanna

Mercoledì 20 febbraio 2008 - ore 21.00
Teatro G. Siani di Marano di Napoli via IV Novembre,34


Mercoledì 20 febbraio 2008 alle ore 21.00, grande concerto di rock progressivo al Teatro Giancarlo Siani di Marano di Napoli. Accanto agli Osanna che apriranno il concerto, ci sarà in esclusiva per il Sud Italia, il formidabile sestetto guidato dal pirotecnico violinista dei King Crimson di "Larks Tongues in Aspic" (1973) e "Starless and Bible Black" (1974). L’evento, iniziato con l’esclusivo concerto dei Platters al Teatro Le Maschere di arzano, chiude la serie di altri concerti, spettacoli, mostre d’arte e sfilate programmati e inseriti nel progetto “Mo’ vene natale fino ‘a Carnevale”, organizzato da Afrakà con il patrocinio e il sostegno della Provincia di Napoli e i comuni di Arzano, Marano e Villaricca.
Tra musica rock e violino c'è sempre stato un legame particolare. Forse perché la storia racconta che in fondo i due universi sono sempre stati irrimediabilmente attratti l'uno dall'altro: la musica rock ha cercato tante volte il violino, quasi volesse provare ad acquisire, per suo tramite, una sorta di legittimazione dei suoi istinti più scapigliati; il violino, dal canto suo, si è lasciato coinvolgere spesso e volentieri nel chiassoso bailame della musica rock, ben felice di concedersi una salutare scappatella. Un rapporto suggellato, già a partire dalla fine degli anni sessanta, da nomi come quello di Simon House, violinista psichedelico con High Tide, Hawkind e David Bowie, dal talento pirotecnico di Jean-Luc Ponty, Jerry Goodman (Mahavishnu Orchestra), Eddie Jobson (Roxy Music, Zappa, UK, Jethro Tull), Graham Smith (String Driven Thing, Van der Graaf), David Ragsdale (Kansas). E come non ricordare, per parlare anche del nostro paese, quel Mauro Pagani che, quando negli anni settanta faceva parte della PFM, era regolarmente ai primi posti in tutte le classifiche stilate dalle varie testate musicali mondiali? All'interno di questa preziosa tradizione è possibile inserire e inquadrare anche il nome di David Cross, un nome che gli amanti del Rock Progressivo certamente ricorderanno per la sua breve ma proficua militanza nei King Crimson di Robert Fripp. Tra il 1972 e il 1974 infatti, Cross contribuì insieme al batterista Bill Bruford, al bassista e cantante John Wetton, e allo stesso Fripp a dare vita a una delle incarnazioni più apprezzate e temerarie del Re Cremisi, quella di Lark's Tongues in Aspic, Starless and Bible Black e Red. Impegnato spesso anche al Mellotron, oltre che al violino e alla viola, Cross era il grande elemento innovatore all'interno di una formazione capace di produrre un sound caleidoscopico quanto aspro e tagliente, prezioso viatico per i post rocker dello scorso millennio.
Dopo l'esperienza con i King Crimson, il violinista inglese ha fatto temporaneamente perdere le sue tracce, per poi riemergere solo alla fine degli anni ottanta, con una sua casa discografica e un nuovo progetto musicale che sembra riprendere il discorso esattamente da dove era stato interrotto nel 1974. Se Memos from Purgatory esce nel 1989 semplicemente a nome David Cross, già il successivo The Big Picture (1992) porta il marchio della David Cross Band, marchio rimasto tale fino ai giorni nostri. Pur impegnato in una serie di interessanti collaborazioni, spesso a cavallo tra ambient music e colonne sonore, è proprio nell'ambito di gruppo che Cross riesce a produrre i suoi output più interessanti: trovato un mirabile equilibrio nell'ottimo Testing to Destruction (1994), l'ex King Crimson può togliersi la soddisfazione di riunire i vecchi compagni Fripp e Wetton in Exiles (1998), album a cui partecipa alla voce anche un dirompente Peter Hammill. Il recente Closer than Skin (2005) testimonia la maturità di un artista che, affinata ulteriormente la sua tecnica violinistica, anche dal vivo non delude le attese. Come sopra accennato, l’apertura della serata è affidata ai napoletani Osanna che stanno per pubblicare il loro ultimo lavoro discografico che sarà stampato in CD e in Vinile (per tutti gli appassionati di rock progressivo), e pubblicato ad aprile 2008. Nello stesso mese un tour italiano vedrà gli Osanna con special guest il sassofonista David Jackson dei Van der Graaf Generator che ha partecipato al lavoro discografico del gruppo insiema ad altri musicisti eccellenti quali lo stesso David Cross, Gianni Leone, Tm Stevens ed altri. Ancora qualche mese e sarà presentato il CD / Vinile “Osanna Jackson - Prog Family”, cui seguirà il tour omonimo che inizierà da Napoli il 22 aprile 2008 e toccherà nei giorni successivi Roma, Pisa, Forlì, Bergamo, Genova e Trieste. La formazione attuale che si esibirà a Marano vede Lino Vairetti alla voce, chiarra 12 corde e armonica, Fabrizio fedele alla chitarra elettrica, Oderigi Lusi alle tastiere e piano, Gennaro barba alla batteria, Nello D’Anna al basso e Irvin Vairetti sequencer e voce.

Mercoledì 20 febbraio – ore 21.00 – Teatro G. Siani via IV Novembre,34 - Marano di Napoli
Ingresso gratuito con inviti fino ad esaurimento posti - Info: 3931401850 – afraka@libero.it

Link per approfondimenti ...
Data: 15/02/2008 N° Letture: 1734 Dalla sezione: Spettacolo
Forum: Lascia un commento su questa notizia
 Torna all'indice delle sezioni -  Inserisci un articolo -  Lascia un commento su queste notizie
  Responsabili: Luciano Boccellino & Vincenzo Daniele - copyright © 2001 By Targato NA