TargatoNA Home >> Notizie > Attualità > Articolo:
 
Mostra documentaria "UMORISTA SARÀ LEI! - Vita e opere di ACHILLE CAMPANILE"
Partita dalla Casa delle Letterature di Roma e dopo aver toccato alcune tra le maggiori città italiane, arriva a Napoli, nella splendida cornice del Maschio Angioino, la mostra documentaria “Umorista sarà lei!”, dedicata alla vita e alle opere di Achille Campanile (1899-1977), uno degli spiriti più vivaci e originali del XX secolo.

Brillante scrittore, straordinario umorista, raffinato giornalista, impeccabile gentleman, Campanile ha lasciato una traccia indelebile nella cultura italiana, fino ad essere definito da Umberto Eco “un classico del ‘900”. Opere come “Tragedie in due battute”, “Ma che cosa è questo amore?”, “Il povero Piero” e “Manuale di conversazione” fanno ormai parte della migliore tradizione letteraria nazionale e rappresentano lo specchio di un’epoca, di un intero Paese e dei suoi costumi, osservati attraverso la prodigiosa lente dell’ironia.

L’appuntamento è molto atteso anche per il legame affettivo tra l’autore, Napoli e la Campania: il padre di Campanile, infatti, era napoletano e il nonno di Caserta.



La mostra, organizzata dall’Associazione culturale “Achille Campanile”, dall’Assessorato allo Sport e ai Grandi Eventi e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli in collaborazione con il Laboratorio di scrittura comica e umoristica “Achille Campanile”, ospiterà:

- oggetti appartenuti all’autore (il famoso monocolo, il cilindro, il bastone da passeggio, il violoncello, i trofei letterari ricevuti durante la sua carriera, le sue macchine per scrivere);

- copie delle prime edizioni dei suoi libri;

- manoscritti (tra cui quello del romanzo “Benigno”);

- appunti (Campanile annotava le sue idee anche su piccolissimi pezzetti di foglio, su buste, biglietti di tram, ricevute d’albergo);

- una serie di disegni e caricature;

- carteggi inediti intrattenuti con personaggi famosi del ‘900 (tra cui Vittorio De Sica, Curzio Malaparte, Dino Buzzati, Valentino Bompiani, Giovannino Guareschi, Massimo Bontempelli, Cesare Zavattini e Orio Vergani);

- pagine tratte dai minuziosissimi diari che Campanile scriveva scrupolosamente, giorno dopo giorno, e che illustrano i momenti fondamentali della sua creatività e la nascita di autentici capolavori, da “Se la luna mi porta fortuna” ad “Agosto, moglie mia non ti conosco” a “Chiarastella”;

- documenti che testimoniano i rapporti a volte controversi con i politici dell’epoca (da Mussolini a Togliatti, da Ciano a Pavolini);

- alcune delle numerose lettere che Campanile riceveva da lettori e da ammiratrici (in alcuni casi vere e proprie dichiarazioni d’amore);

- pannelli descrittivi che raccontano i suoi esordi nel mondo del giornalismo (dalla “Tribuna” alla “Stampa”, alla “Gazzetta del Popolo” di Torino), le sue vittorie al “Premio Viareggio” (nel 1933 e nel 1973) e al “Bagutta” (1958), le esperienze teatrali e il parere dei critici;

- a corredo, moltissime fotografie che costituiscono una testimonianza eccezionale di un periodo storico e letterario del nostro Paese.

Gli oggetti e i documenti esposti permetteranno di entrare nell’affascinante mondo di un uomo geniale, che fece della creatività e dell’arguzia le ragioni della propria esistenza. Tutto il materiale proviene dall’archivio delle memorie di Achille Campanile, conservato gelosamente nella casa di Velletri da Gaetano Campanile, figlio dello scrittore, in attesa di una collocazione definitiva presso un’apposita Fondazione.



All’inaugurazione, in programma lunedì 5 settembre alle ore 17,30, interverranno:
- Giulia Parente, Assessore allo Sport e ai Grandi Eventi del Comune di Napoli;

- Rachele Furfaro, Assessore alla Cultura del Comune di Napoli;

- Caterina De Caprio, ricercatrice del Dipartimento di Filosofia e Politica dell’Università “L’Orientale” di Napoli;

- il critico letterario Silvio Perrella;

- i curatori della mostra Gaetano Campanile, Silvio Moretti e Angelo Cannatà;

- Edgardo Bellini e Pino Imperatore, coordinatori del Laboratorio di scrittura comica e umoristica “Achille Campanile” (che ha sede a Napoli);

- gli attori Antonella Morea, Giancarlo De Simone e Antonio Caruso, che interpreteranno brani tratti dalle opere del noto umorista;

- il maestro Daniele Mutino, che eseguirà canzoni composte su testi di Achille Campanile.



La mostra - che fa seguito ad altre iniziative dedicate allo scrittore che vanno dalla ristampa di tutte le sue opere da parte della Rizzoli alla creazione del sito web ufficiale www.campanile.it - rimarrà aperta fino al 17 settembre e potrà essere visitata dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 19.
A tutti i visitatori verranno offerti in omaggio un libro che raccoglie testi inediti dell’autore e un dvd (realizzato dall’Associazione culturale “Agorazejn”) contenente interviste, testimonianze e brani di spettacoli teatrali.


Ai visitatori, e soprattutto ai giovani, l’augurio da parte degli organizzatori di lasciarsi ammaliare dall’universo umoristico campaniliano, in cui ogni parola annuncia esilaranti sorprese ed offre illuminanti spunti di riflessione sull’uomo, sulla società e sulla vita.



www.campanile.it

info@campanile.it



www.laboratoriocampanile.it

laboratoriocampanile@libero.it
Data: 02/09/2005 N° Letture: 1983 Dalla sezione: Attualità
Forum: Lascia un commento su questa notizia
 Torna all'indice delle sezioni -  Inserisci un articolo -  Lascia un commento su queste notizie
  Responsabili: Luciano Boccellino & Vincenzo Daniele - copyright © 2001 By Targato NA