TargatoNA Home >> Notizie > Attualità > Articolo:
 
SOTTO LA STESSA LUNA TOUR

L’Associazione Culturale “FIGLI DEL BRONX”
PRESENTA:
“SOTTO LA STESSA LUNA tour”
con il contributo del Comune di Napoli (Assessorato agli Affari Sociali)
programma delle dieci proiezioni del film “SOTTO LA STESSA LUNA” di Carlo Luglio
una produzione “FIGLI DEL BRONX”
prodotto da: Luca Liguori, Dario Cortucci, Gaetano Di Vaio

6 Febbraio 2006, teatro “AREA NORD” a Piscinola
in collaborazione con “Liberascenaensemble”
ore 19,00 saluta Renato Carpentieri – a seguire:
concerto per sassofoni fiati e loops di Riccardo Veno (autore musiche film).
PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Raffaele Tecce (Assessore agli
Affari Sociali del Comune di Napoli), Giulio Di Cicco (Dirigente del Comune di
Napoli – Assessorato agli Affari Sociali), Maurizio Braucci (scrittore), Carlo
Luglio (regista del film), Roberto Saviano (giornalista) e Giovanni Zoppoli
(operatore sociale).

16 Febbraio 2006, “PIAZZA TELEMATICA” a Scampia
in collaborazione con l’associazione “AaQuaS”
ore 19,00 saluta Padre Fabrizio Valletti (Gesuita a Scampia) a seguire:
PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Alex Zanotelli (Camboniano),
Corrado Gabriele ( Assessore a Istruzione, formazione e lavoro – Regione
Campania) Ciro Tarantino (Ricercatore), Aldo Bifulco (Legambiente circolo La
Grù), Gennaro Migliore (Responsabile esteri Prc) e Costanza Boccardi.

27 Febbraio 2006, CAMPO ROM del Comune di Napoli a Scampia
in collaborazione con l’associazione “Opera Nomadi”
ore 19,00 saluta Amedeo Curatoli (Presidente Opera Nomadi regionale)
a seguire: PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Marco Nieli, Enzo
Esposito (Opera Nomadi), Marco Rossi Doria (Maestro di Strada), Antonio
Moscato (Dirigente del Comune di Napoli – Servizio Contrasto Nuove Povertà),
Alessandro Fucito (Presidente Commissione Educazione – Comune di Napoli)
e Paraska Muharem (Cittadina Rom residente in campo rom - area nord Napoli).

11 Marzo 2006, “PAN” (Palazzo delle Arti – Napoli)
in collaborazione con il gruppo di lavoro “Chi Rom… e chi No”
ore 19,00 saluta Rachele Furfaro (Assessore alla Cultura del Comune di Napoli)
a seguire: concerto per sassofoni, fiati e loops di Riccardo Veno.
PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: On. Vincenzo Siniscalchi
(Deputato), Domenico Ciruzzi (avvocato) e don Tonino Palmese (Libera).Bruno Roberti (Critico Cinematografico)

18 Marzo 2006, 0re 21,00, CENTRO SOCIALE DAMM a Montesanto
in collaborazione con il gruppo di lavoro “Chi Rom… e Chi No”
ore 21,00 PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Mario Martone,
Maurizio Braucci, gli operatori di “Chi rom… e chi No”, Figli del Bronx e i
ragazzi del Centro Sociale Damm.

30 Marzo 2006, CENTRO SOCIALE GRIDAS a Scampia
in collaborazione con “Gridas” e gruppo di lavoro “Chi Rom… e chi No”
ore 19,00 PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Enrico Ghezzi
(Critico Cinematografico), Alessandro Fucito (Presidente Commissione
Educazione - Comune di Napoli), Aldo Bifulco (Legambiente circolo La Grù),
Gridas, “Chi rom… e chi No” e Figli del Bronx.

4 Aprile 2006, FACOLTA’ DI ARCHITETTURA di Napoli
in collaborazione con Terzopianoautogestito
ore 17.30 concerto per sassofoni, fiati e loops di Riccardo Veno; a seguire: PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Maurizio Braucci, Giovanni Persico (Docente di Sociologia presso la Federico II), Alberto Castellano (Critico cinematografico), Alessandra Amitrano (scrittrice), Donatella Mazzoleni (Docente Università di Architettura) e Terzopianoautogestito. Giovanni Maria Bellu (La Repubblica”)

12 Aprile 2006, SALA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Complesso
Monumentale Santa Maria La Nova in collaborazione con Film Commission
Regione Campania
Ore 9,30 saluta Isadora Daimmo (Assessore Pace e Immigrazione della Provincia
di Napoli) a seguire: PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Maurizio
Gemma (Direttore Generale della Film Commission - Regione Campania),
Geppino Fiorenza (Centro Documentazione anticamorra), Domenico Ciruzzi
(Avvocato), Enzo Lo Monte (Magistrato) e Giulio Di Cicco (Dirigente del
Comune di Napoli – Assessorato agli Affari Sociali).

27 Aprile 2006, UNIVERSITA’ DELL’ORIENTALE di Napoli in
collaborazione con Valerio Caprara (Critico cinematografico)
ore 14,30 PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Valerio Caprara,
Chiara Marasca (Curatrice Bollettino dell’Osservatorio Anticamorra del Corriere
del Mezzogiorno), con una rappresentanza degli studenti dell’Orientale e gli
operatori di Figli del Bronx.

6 Maggio 2006, ore 18,30, ex scuola media statale “DELEDDA” a Soccavo
in collaborazione con l’associazione “Opera Nomadi”
ore 19,00 concerto per sassofoni, fiati e loops di Riccardo; Veno a seguire:
PROIEZIONE DEL FILM E DIBATTITO CON: Istituzioni, rappresentanza
cittadini rumeni ospiti della ex Deledda, gli operatori di Opera Nomadi, “Chi
Rom… e chi No” e Figli del Bronx.
Introduce i dibattiti lo scrittore Maurizio Braucci

Interverranno inoltre: (in data e luoghi da definire), Goffredo Fofi, Domenico Pizzuti (Gesuita), Nino D’Angelo, Luigi Lo Cascio (attore),
Erri De Luca, Fabrizio Gatti e Toni D’Angelo.

# IL REGISTA E GLI ATTORI DEL FILM SARANNO PRESENTI ALLE
VARIE PRIOEZIONI E AI DIBATTITI



“La vita quotidiana di due giovani Rom nella periferia di Scampia a Napoli, si
incrocia con quelle di un ex capozona napoletano in via di pentimento e con il
gruppo del giovane boss emergente del clen vincente…
Le situazioni all’interno del campo Rom e quelle all’esterno, hanno un unico comune
denominatore: sono storie di vita ai margini con una loro disperazione intrinseca, ma
con la forza vitale tipica di chi deve sbarcare il lunario costretto a confrontarsi con la
dura legge della strada calpestando quotidianamente la propria dignità per
sopravvivere.
Inevitabile migrare se si cerca una vita migliore”.
Carlo Luglio trama del film

“Qualcuno sogna l’esodo come soluzione del problema nella storia già vissuta in chi
fugge l’esclusione.
Un laboratorio di Arte Sociale ci fa vivere sotto la stessa luna che da posillipo porta
a Scampia ci suggerisce che non siamo terra di caste di violenza di esasperata
disuguaglianza”.
Fabrizio sj

“Avevo bisogno di un lavoro come primo passo nel tentativo di costruire una nuova
vita, dopo aver scontato l’ennesima condanna durata circa quattro anni.
Andavo in giro a chiedere, ma nessuno mi voleva.
Un giorno, camminando per via Zuccarini a Scampia dove stava il vecchio campo
Rom sotto il ponte della metropolitana, notai una bambina che trasportava una busta
contenente alcune bibite; capii subito che il punto vendita doveva trovarsi parecchio
distante dal campo in cui viveva. Pensai quindi di caricare la mia malandata
autovettura con bibite e generi alimentari preconfezionati e recarmi ogni giorno al
campo per rivenderli. Nonostante il mio passato di devianza temevo molto gli
zingari. Pensavo a cosa inventarmi per farmeli amici nel momento in cui avrei messo
piede nel campo. In realtà fu tutto semplice: la gente era contenta, a tal punto da
propormi di costruire una baracca da utilizzare come punto vendita fisso.
Era la prima volta che mi capitava di sentirmi accettato veramente. Pian piano
cominciai a riconoscermi in alcune delle loro abitudini, come quella della famiglia
numerosa, delle mamme che la sera lavavano i figli nelle bagnarole, nei piedi nudi


dei bambini con la faccia sporca come la mia quando vivevo nel basso con mamma
papà e dieci figli; nei semafori e nei vetri delle autovetture che lavavo da ragazzino a
Capodimonte, nella loro musica, nella semplicità delle relazioni, nei furti…
nell’emarginazione!
Oggi posso dire che la mia vita è cambiata proprio a partire da quella esperienza”.
Gaetano Di Vaio






Data: 25/02/2006 N° Letture: 3059 Dalla sezione: Attualità
Forum: Lascia un commento su questa notizia
 Torna all'indice delle sezioni -  Inserisci un articolo -  Lascia un commento su queste notizie
  Responsabili: Luciano Boccellino & Vincenzo Daniele - copyright © 2001 By Targato NA