Un marziano a Napoli

 

Al termine del brillante incontro fra la nazionale di calcio Italiana e quella Jugoslava a Napoli, finito sul punteggio di 1-1 grazie a una magía della barriera slava che ha trasformato un tiro di Del Piero in una palla imprendibile che il telecronista della Rui Reti Unificate Italiane - ha impiegato qualche minuto prima di capire che era stato deviato, un inviato speciale della televisione Marziana, arido pianeta dove si pratica un ottimo calcio e soprattutto si tenta di fare ancora del giornalismo, si è fatto largo nella folla dei Lecca Lecca e dei Banali Speciali nello spogliatoio per la mitica "intervista del dopo partita" e ha intervistato alcuni Celestini per il pubblico del Pianeta Rosso. Una copia del testo dell'intervista, censurata dalla Rui, è pervenuta al Calcio in Testa, che è in grado di offrirne alcuni frammenti ai propri lettori. Ci scusiamo anticipatamente per eventuali errori di traduzione.
Scusi, signor Trapattoni, vengo da Marte e vorrei chiederle... Marte? Marte? Dottor Valentini - chiede rivolgendosi all'addetto stampa della Figc Antonello Valentini che intelligentemente finge di non sentire la domanda - Parlano il tedesco anche su Marte? Perché, sa, io modestamente, el tudésc el parli propri ben, ascolti qui, Beckenbauer, Schnellinger, Strunz, Bierhoff, Hubner, Strudel...

Lasci stare. Ho il traduttore automatico. Volevo chiederle, signor Mister, se questi undici sono il meglio del famoso calcio italiano, che io sono venuto da un altro pianeta a vedere, perché a me, che sono un extraterrestre, mi parevano delle gran pippe. ...ma, no, beh, sa, qui, ecco, insomma, bisogna capire, vede, in fondo, nel primo tempo anche poi nel secondo, il fondo pesante, vede, ma, no, beh, eh...  No, mi consenta (ahi, anche sul Pianeta Rosso è arrivato) non ho un capito un cazzo e scusate il linguaggio, ma su Marte parlano in modo molto sboccato, non per niente porta il nome di un soldataccio. Mi faccia provare con uno dei suoi giocatori per vedere se qualcuno qui dice la veritá. Scusi, signor Nesta, ma questa era la famosa difesa italiana della quale si favoleggia in tutto il sistema solare, perché a me, me pareva uno scolapasta? ...ma, no, ecco, beh, insomma, in fondo, dunque, direi, mi pare, in campo c'erano anche loro, bi, boh, ma.... Agitando le sue antenne ormai esasperate, il telecronista di Marte TV, l'ultima emittente che ancora non sia controllata dalle astronavi di Forza Galassia! punta su Del Piero, che ha molti ammiratori anche sugli altri pianeti grazie al Del Piero Solar System Fan and Marketing Club. Scusi, signor Del Piero, ma con tutta la fama che ha e i soldi che prende, come mai non è riuscito a tirare un calcio d'angolo decente che fosse uno, come ha fatto Mihailovic? ...ma, no, ecco, insomma, beh, dunque, in fondo, certo, ora, poi, vedremo.. Arzgthty Mumbrrddd Xwquys Grnighcx, ringhia il telecronista marziano esplodendo in alcune terribili parolacce interplanetarie che non possiamo tradurre per decenza, ora che cosa minchia trasmetto ai telespettatori Marziani, queste puttanate di aria fritta buone solo per le tv italiane? Ma non siamo mica la Rui, noi. Ormai giallino, che è il modo marziano di avvicinarsi all'apoplessia, il collega spaziale prova ancora con Pirlo, che è del Milan cosiddetto Spaziale, quindi deve essere proprio forte. Scusi, signor Pirlo, ma perché voi giocatori Italiani state sempre tutti fermi a guardare quello che porta la palla? Non dovreste cercare di muovervi e smarcarvi per dettare un passaggio, invece di buttarla sempre lá in mezzo nel mucchio sperando nei vostri dei o nel rigore?
...ma. no, insomma, ecco, in fondo, beh, abbiamo dato tutto, dunque, però...

Allo stremo delle forze, semi asfissiato dall'aria mefitica che si respira sul pianeta del Calcio Italiano, il malcapitato cronista Marziano è ormai allo stremo. Boccheggia ancora una domanda a un certo Gattuso, scusi signor Gattuso, ma perché lei si ostina a giocare con zoccoli olandesi di legno ai piedi e non prova a mettersi un paio di scarpe, che forse le riuscirebbe un passaggio ogni tanto?...ma, no, beh, insomma, ecco, in fondo, va be', ci puó stare... Con l'ultimo alito di vita, lottando contro l'agonia, il poverino si aggrappa con le sue ventose al Grande Giornalista e Autorevole Commentatore per avere una spiegazione. Vedi, caro collega, é tutta colpa di Trapattoni, se invece di Trapattoni ci fosse in panchina il famoso signor Chiunquealtro, l'Italia avrebbe vinto 12 a 0, saremmo Campioni del Mondo, d'Europa, del Sistema Solare e del Mondo Cristiano. Qui sulla Terra lo sa persino Moratti che è sempre e soltanto colpa del Mister, solo voi coglioni su Marte pensate ancora che il calcio lo giochino i calciatori... Pffffffffft, ha esalato il giornalista Marziano sgonfiandosi prima di spirare. E' riuscito ancora, con eroismo professionale, a trasmettere via satellite sul proprio pianeta il Grande Segreto dell'Universo, quello che in Italia tutti sanno, da sempre, che i giocatori vanno insaponati con pigiamini di saliva e soltanto il Mister puó essere preso a calci nel mulo. Purtroppo, il tenace giornalista Marziano è morto poco dopo, stroncato dalla vista di Galliani che lui aveva scambiato per un terrificante Alieno. Il suo piccolo cuore non ha retto.

La Redazione

Torna all'indice di questo numero